aprire un centro scommesse
30 maggio 2019

Aprire un centro scommesse, un investimento conveniente

Negli ultimi anni i centri scommesse sono diventati presenze salde in moltissime città italiane, dando vita a una nuova immagine del gioco d’azzardo. Da affare immorale a tentativo lecito della fortuna.

Il nuovo aspetto del gioco d’azzardo ha attirato un nuovo tipo di giocatore, quello che fino a poco tempo fa considerava la scommessa come “un’attività illegale” con cui non valeva la pena immischiarsi per provare a cambiare la vita di tutti i giorni.

Attualmente aprire un centro scommesse è la formula di un business vincente che fa leva sull’attrattiva del divertimento e sulla possibilità di vincere.

Conviene ancora puntare su un centro scommesse?

Al giorno d’oggi aprire una sala scommesse non solo è una pratica lecita, ma per di più consente di ottenere guadagni davvero considerevoli.

Il successo del business è comprovato dal fatto che “Come aprire un centro scommesse” resta ancora una delle domande più comuni a cui si cerca di rispondere in rete e sui blog di settore.

Chi sceglie di aprire un’agenzia scommesse deve occuparsi in solitaria o con una rete franchising di tutte le pratiche burocratiche (richiesta di avvio all’AAMS, licenza di pubblica sicurezza, partita IVA, iscrizione alla Camera di Commercio e stipula di convenzioni con i concessionari delle licenze ), le forniture del locale e l’allestimento della sala.

A dispetto del tempo e delle risorse, però, scegliere di puntare su questo tipo di attività si rivela ancora una mossa vincente.

Oggi un numero sempre crescente di uomini e donne si affida al gioco per cambiare vita, una predisposizione che si traduce in guadagno per tutti i titolari di centri scommesse.

Se poi si pensa che, nonostante la presenza copiosa delle sale scommesse sul territorio, la competizione resta bassa allora aprire una sala scommesse può essere ancora una buona forma di investimento.